Banner BR 2 Presentazione

Breaking rays Italy 229 giugno - 7 luglio 2017, Castelgandolfo

"Breaking Rays", parte prima

A conclusione dei primi nove intensi giorni di vita insieme, i partecipanti del progetto Breaking Rays (composto di 3 fasi rispettivamente in Italia, Brasile e Filippine) ci scrivono "Si è trattato di un'esperienza profonda, sincera, basata su rapporti veri, limpida dimostrazione di come anche in una realtà tecnica come questa, siano i veri valori umani la chiave di tutto".

 

 

Marco Aleotti, Kim Rowley e Paola Cipollone - coordinatori dell'iniziativa - ci hanno fatto avere un rapporto dell'intero evento che segua le regole del buon giornalisto e rispetti pertanto lo schema delle 5 “W”: Who, What, Where, When, Why – ovvero Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché.

 


Who - Chi

Breaking rays Italy 122 i filmmaker partecipanti, prevenienti da 10 paesi - Filippine, Indonesia, India, Burundi, Italia, Malta, Ungheria, Germania, Brasile, Argentina - e di un'età compresa tra i 20 ed i 40 anni con già alle spalle anni di formazione e/o esperienza nel campo degli audiovisivi, pur non mancando esperti anche di grafica e di fotografia.
Una tale differenza di provenienza, esperienza ed età è stata largamente elogiata come uno degli aspetti più interessanti di questa prima formazione.

Del resto, anche il gruppo degli animatori si componeva di professionisti con alle spalle esperienze e competenze ben diverse. Gianni Bianco, Declan O'Byrne, Michele Zanzucchi, Aurelio Molè, Saverio D'ercole e Laly Hernandez alcuni dei nomi intervenuti. Ciascuno, non ha lesinato di trasmettere ai partecipanti la propria esperienza tecnico/professionale, ma anche fatti di vita ed esperienze personali particolarmente arrichenti.

Molto riuscite le sessioni incentrate sugli aspetti tecnici: Storytelling per audiovisivi, la ripresa, l'intervista e il punto di vista, l'illuminazione, l'audio, il montaggio, la diffusione; a guiarle, i registi Marco Aleotti e Kim Rowley, insieme a professionisti come Carlo Sgambato (Direttore della fotografia), Nino Giuffrida (ingegnere audio), Giulio Mainenti (regista e montatore), Ivan Turatti (esperto di comunicazione aziendale e social media).

Alla base di ogni attività, il dialogo e la partecipazione attiva di tutti, capaci di stabilire un'autentica condivisione su più livelli e di risultare un metodo molto apprezzato ed efficace.

 

When - Quando

Breaking rays Italy 3Come detto, le attività si sono svolte dal 29 giugno al 7 luglio 2017, tuttavia, tutto è iniziato in realtà già ben prima!
Al loro arrivo, diversi partecipanti hanno raccontato le peripezie attraversate per poter partecipare: difficoltà ad ottenere visti, permessi dal lavoro, trepidazione nel lasciare a casa giovani sposi e figli appena nati.
Altri hanno fatto presente il sentimento di inadeguatezza rispetto ad altri partecipanti con più esperienza e talenti.

L'invito a lasciare tutto alle spalle per condividere pienamente durante quei giorni talenti, pensieri e suggerimenti di ciascuno è stato accolto in pieno ed ha reso da subito tutti protagonisti, tanto che i partecipanti hanno apprezzato come alla fine non vi fosse in alcun modo una “gerarchia” di compiti, ma un'armonica cooperazione e condivisione di responsabilità.

What - Cosa

Breaking rays Italy 5Questa prima fase del progetto aveva come focus la realizzazione di un notiziario. Fondamentale è stato dunque riflettere su come porsi di fronte ad una storia e come offrirle al pubblico che la guarda.

Tuttavia, oltre ai workshop ed ai momenti in sala, per due giorni e mezzo a fare la parte del leone è stata la possibilità di fare una vera e propria esperienza di lavoro. Divisi in gruppi di 3, i partecipanti hanno filmato e montato una storia affidatagli, con durata di 3 – 5 minuti.

Ciascun gruppo ha dunque svolto tutto il percorso per la realizzazione del pezzo: dalla ricerca e pre-produzione, alle riprese e il montaggio. Questo esercizio oltre a dare occasione di mettere in pratica quanto appena imparato, è stato un momento per vivere gomito a gomito e produrre qualcosa di valido insieme. Alcuni hanno lavorato fino a notte fonda, pur di essere fedeli alla scadenza di consegna.

Le storie raccolte sono molto varie: dalla Specola Vaticana ad una start-up di un giovane agricoltore; da uno “storico” cittadino di Castel Gandolfo, ad una famiglia che cerca di gestire l'uso del cellulare dei figli adolescenti, una scuola che insegna inglese ai bambini, punti di vista e testimonianze dei flussi migratori.
Lo stesso ufficio stampa del Comune ha seguito lo svolgersi di Breaking Rays e ne ha dato notizia nei propri canali di comunicazione.

In seguito, la visione degli elaborati in una sessione plenaria ha permesso a ciascun gruppo di raccontare difficoltà e successi della produzione. Generalmente in questo campo una critica al proprio lavoro viene fatta e percepita spesso anche come una critica personale. Al contrario, grazie alla guida dei coordinatori ed al bel clima già instaurato, in questa occasione, la valutazione degli altri, anche quando critica, è sempre riuscita a risultare costruttiva, priva di ogni giudizio sulla persona ed è stata offerta e ricevuta come scambio utile, persono cercata come opportunità di crescita e aiuto reciproco.

 

Where - Dove                                      

Breaking rays Italy 6La scelta di svolgere il laboratorio in una villetta affacciata sull'incantevole Lago di Castelgandolfo si è rivelata vincente. Com'è stato fatto osservare alla fine, il paesaggio trasmetteva pace e serenità e … favoriva la creatività.

Anche la scelta di vivere insieme 24 ore al giorno ha fatto sì che tutto – dai corsi, al pranzo, dal relax al workshop - fosse formazione, tempo e spazio per rapporti di fiducia e stima reciproca. Ed è questo tessuto forte e resistente di relazioni sincere che ha permesso poi di rendere fecondi ed efficaci i momenti di “produzione vera e propria”. 

Altro momento particolarmente toccante è stata la visita alla casa di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei focolari e qui il commovente incontro con Eli Folonari, prima compagna della Lubich ad essere incaricata proprio della comunicazione.

 

Why - Perchè

Breaking rays Italy 4In sintesi, ci scrivono i coordinatori del progetto: "questa prima fase di Breakin Rays ci sembra abbia evidenziato un percorso formativo in cui la priorità era acquisire una sensibilità al gruppo, alle relazioni, ai rapporti: anche nell’usare una telecamera, un microfono, un programma di montaggio si è sempre chiamati a gestire relazioni fra persone."

 

 

Video-riassunto prima tappa

 

new humanity per un mondo unito

documenti Giovani

Chi è online

Abbiamo 98 visitatori e nessun utente online

  • Simple Item 3
  • Simple Item 4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Contatti

contatti Scrivici

Trovi qui i nostri contatti

sitemapMappa del sito

vedi la struttura del sito per trovare quello che cerchi

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.